sabato 26 ottobre 2013

Ricetta concentrato di pomodoro siciliano fatto in casa



ricetta regionale

Ricetta concentrato di pomodoro siciliano fatto in casa

Questa per me è la ricetta più 'povera' e semplice in assoluto, fatta veramente di sudore e risparmio. Il mio ricordo più lontano legato alla cucina, all'estate, all'infanzia.
Sono nata in un paese bellissimo della Sicilia orientale, Noto,  ci ho vissuto solo i miei primi 8 mesi di vita, poi ho cambiato sei città diverse a causa del lavoro di mio papà. Erano gli anni in cui l'arruolamento nell'arma dei carabinieri era un 'posto sicuro' e mio papà con due figlie decise di intraprendere questa strada, un po' per vocazione, un po' per esigenza. Questo ci ha portati a viaggiare e a spostarci di città in città. Siamo sempre stati lontani dai nostri affetti familiari che erano al paesello e noi ci spostavamo sempre più lontano, sempre più lontano dal paese. Eravamo i 'forestieri' ,quelli che quando tornavano al paese era festa, i nipoti visti e vissuti poco. Ho un ricordo bellissimo di quegli anni, quando tutti i cugini passavamo le estati in questa campagna meravigliosa caldissima, arida. Ancora oggi quando vedo una distesa di terra arida mi sento bambina e torno a quei ricordi meravigliosi. Quando arrivavamo noi era festa, ci ospitavano i miei nonni paterni, tante volte mio papà non avvisava i suoi genitori e facevamo una bellissima sorpresa, anche se appena arrivati dopo la gioia, le lacrime e gli abbracci, ricordo mio nonno che commentava e diceva a mia nonna:  Gigia e ora che gli diamo da mangiare??? era il suo pensiero fisso, saziarci!
La chiamava Gigia, peccato, non gli ho mai chiesto il perché, io porto il suo nome. In estate era tappa fissa, andare dai nonni, io gli ho voluto un sacco di bene, c'erano i nonni paterni, umili, buoni, teneroni e i nonni materni, ricchi, aridi, scostanti e distaccati e questo mi ha insegnato molto nella vita, non sono i soldi quelli che ti rendono un uomo ricco. Io ho amato profondamente i miei nonni paterni, ho giocato con loro, dormito con loro, ricordo tutto di loro. Ricordo che abitavano in un appartamento al quinto piano, lontano dallo smog, diceva mia nonna, e nel suo balcone che io ricordo enorme, ma che ho avuto modo di rivedere da adulta e di enorme non ha davvero nulla, posizionava le sedie e sopra vi metteva delle tavole dove in estate metteva ad essiccare il pomodoro e ne ricavava l'estratto, 'u strattu' come diceva lei. E ne era gelosissima, lo curava con amore, lo girava e rigirava, lasciava un cucchiaio sempre lì e ci metteva una veletta sopra per evitare che ci andassero gli insetti sopra e...mio padre!!!!!!! Ricorderò sempre finchè campo la voce di mia nonna che urlava a mio papà: Enzo nun ti mangiari un strattu!! Mio papà approfittava del cucchiaio che mia nonna lasciava nei piatti per rubarle l'estratto. Quella di mia nonna non era avarizia lei diceva sempre, se usi il cucchiaio rischi di farmi inacidire tutto il il pomodoro ed il lavoro è perso... Era convinta di questa sua teoria. Non ho mai capito se si divertisse più mio padre a farsi sgridare come fosse un bambino o mia nonna a urlarle tutto il suo amore con questo gesto, a quel figlio che vedeva tanto poco, essendo lontano, che era in cuor suo il suo amore e la sua preoccupazione.
Oggi non ho più accanto a me nè mia nonna Gigia nè mio papà, ma sono sempre nel mio cuore e nei miei ricordi, tutti i giorni un pensiero è rivolto a loro. Quando apro il frigorifero e uso l'estratto di pomodoro che anche io mi preparo in estate, mi rimbomba in testa la voce di mia nonna e la risatina di mio papà.

Come preparare l'estratto di pomodoro

  • 10 chili di pomodoro fresco
  • sale marino
  • Olio extravergine di oliva

Lavare il pomodoro e tagliarlo in quattro parti, metterlo al sole, salarlo e lasciarlo asciugare per quattro giorni. Durante le ore notturne bisogna mettere il pomodoro a riparo dall'umido della notte. Dopo quattro giorni passare il pomodoro e metterlo o nei taglieri di legno o meglio ancora nei piatti. Man mano che il sole asciuga il pomodoro questo diventa sempre più scuro e concentrato. Sarà pronto quando avrà raggiunto la giusta concentrazione, circa una settimana - dieci giorni. Una volta pronto metterlo nei contenitori di vetro e ricoprirlo di olio extravergine di oliva.


21 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. bellissimo racconto franci...mi sono commossa

    RispondiElimina
  3. Anche mia nonna materna ricordo che lo faceva sempre.... in sicilia, dalle mie parti, si chiama "Astrattu"

    RispondiElimina
  4. bellissimo post, mio mamma la fa ancora e non ce paragone con il concentrato comprato...
    baci

    RispondiElimina
  5. Ciao hai proprio un blog carinissimo complimenti!

    Bellissime foto e bellissimi piatti!
    mi sono unito subito ai tuoi followers ;)

    Un caro saluto
    Alessandro
    fancyfactorylab.blogspot.it

    p.s. passa da me e fammi sapere cosa ne pensi del mio blog ;)

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Wow che bel racconto di ricordi ed emozioni....bello!!!mi sono trovata qui x caso mentre cercavo qualche altro metodo per fare u strattu e non ho potuto fare a meno di scriverti due righe.

    RispondiElimina
  9. Wow che bel racconto di emozioni e di ricordi...molto bello

    RispondiElimina
  10. Wow che bel racconto di ricordi ed emozioni....bello!!!mi sono trovata qui x caso mentre cercavo qualche altro metodo per fare u strattu e non ho potuto fare a meno di scriverti due righe.

    RispondiElimina
  11. scusa ...il tuo racconto stupendo ..mi commuove
    posso chiederti dove riporlo dopo averlo messo nei vasetti di vetro con l'olio? anche in frigo posso tenerlo?

    RispondiElimina
  12. Ciao, grazie per il complimento. Conservalo in un barattolo di vetro con un po' di olio extravergine di oliva sopra, in frigo. Ciao

    RispondiElimina
  13. Grazie di aver regalato questo "souvenir di cucina" al nostro contest!
    Un ricordo STUPENDO!!!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina
  14. La tua ricetta è sulla raccolta Amarcord!
    Se vuoi è pronta da sfogliare e scaricare!!
    ciao!!!!!!
    elisa

    RispondiElimina
  15. Sono passata a sbirciare nel tuo blog grazie al riconoscimento che oggi Ketti ha deciso di condividere con noi, ne sono felice e apprezzo le tue ricette. Sono venuta a vedere se l'estratto di pomodoro lo fai come me e la maggior sorpresa è stato il racconto emozionante dei tuoi ricordi. Hai manifestato senza veli una sensibilità non comune. Grazie a te e a Ketti per avermi dato l'opportunità di conoscerti. Un caro augurio per le prossime feste.

    RispondiElimina
  16. Grazie Erminia, grazie di cuore. Buone feste anche a te!

    RispondiElimina
  17. Mi hai fatto ricordare la mia bisnonna.
    stessi profumi stessi ricordi e stessa ricetta...grazie
    belle le tue ricette
    da oggi il tuo blog è nei miei preferiti

    RispondiElimina
  18. Mi hai fatto ricordare la mia bisnonna.
    stessi profumi stessi ricordi e stessa ricetta...grazie
    belle le tue ricette
    da oggi il tuo blog è nei miei preferiti

    RispondiElimina
  19. O provato a farlo ma dopo il vasetto,domanda,se gonfiato,perche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giacomo, ti si è inacidito, buttalo, è andato a male

      Elimina